FAQ – Normativa EASA

Faq Normativa Easa DroniQuesta pagina contiene le risposte alle FAQ (Frequent Asked Questions), ovvero alle domande ricorrenti in tema di normativa EASA (European Aviation Saftey Agency), relative agli UAS (Unmanned Aircraft System), noti in Italia come SAPR (Sistemi A Pilotaggio Remoto) o Droni.

Le FAQ relative all’argomento normativa EASA sono in continuo aggiornamento.

Per ogni eventuale dubbio, si rimanda comunque alla lettura della documentazione specifica EASA. 4mydrone non è responsabile in alcun modo e sotto qualsiasi forma per comportamenti, danni ed incidenti causati da una interpretazione delle presenti FAQ. 

Sottoscrivi la Newsletter se desideri ricevere gli aggiornamenti in materia, direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Legenda: D – Domanda, R – Risposta, A – Approfondimento.

FAQ normativa EASA

  • D – Che cos’è il regolamento EASA? A cosa serve?
  • R – L’EASA è la European Aviation Saftey Agency, ed è l’ente europeo per la regolamentazione tecnica, la sicurezza e la sostenibilità in ambito della aviazione civile. Poiché i droni o UAS (Unmanned Aircraft System), sono degli aeromobili, EASA, attraverso una Opinion approvata del parlamento europeo ad essi dedicato ne ha normato l’uso.
  • D – Dove trovo il regolamento EASA in italiano?
  • R – Il Regolamento di esecuzione (UE) 2019/947 è scaricabile a questo link.
  • A – “Norme EASA
  • D – E’ già in vigore il regolamento EASA?
  • R – No, il Regolamento di esecuzione (UE) 2019/947, entrerà in vigore il 01/01/2021
  • D – In quali paesi è valido il regolamento EASA?
  • R – In tutti i paesi dell’Unione Europea, inclusi inghilterra, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein.
  • D – Il patentino online di ENAC è valido nei paesi EASA?
  • R – Si.
  • D – Cos’è una categoria Aperta?
  • R – La categoria Aperta è una delle tre categorie definite dalla normativa europea. Le altre due sono: Specifica e Certificata.
EASA - regolamento droni Categorie
EASA – regolamento droni Categorie – 4mydrone

Per la categoria Aperta valgono le seguenti regole:

    • riguarda tutti i droni fino a 25kg di MTOW (MTOW – vedi Droni – Acronimi & Termini),
    • consente di volare fino a 120 metri suolo e non oltre,
    • consente il volo in VLOS (Visual Line of Sight – vedi Droni – Acronimi & Termini),
    • il pilota deve avere almeno 16 anni,
    • il volo deve avvenire a distanza dalle persone,
    • impedito il volo nelle no fly zones,
    • l’operatività non implica la richiesta di autorizzazioni,
    • il drone deve avere marchio CE.
  • A – “Regolamento europeo EASA Droni – Catg. Aperta
  • D – Cos’è una categoria Specifica?
  • R – La categoria Specifica è una delle tre categorie definite dalla normativa europea. Le altre due sono: Aperta e Certificata. Per la categoria Specifica valgono i seguenti limiti:
Categoria Specifica - limiti
Categoria Specifica – limiti
Requisiti Categoria Specifica
Requisiti Categoria Specifica
  • A – “Regolamento europeo EASA Droni – Catg. Specifica
  • D – Cosa sono gli scenari standard C5 e C6?
  • R – Con il regolamento europeo, attraverso l’opinion 5/2019, EASA propone due scenari standard  STS1 e STS2. Che definiscono le condizioni operative e entro cui l’operator UAS può’ iniziare le operazioni dopo aver presentato una dichiarazione all’autorità competente.

    Scenario standard STS1 (marchio classe C5)

    Lo scenario STS1 prevede le seguenti limitazioni:

    • operazioni in VLOS,
    • Massima altezza 120 mt,
    • MTMO < 25 Kg,
    • velocità massima di 5 m/s se non vincolato,
    • no volo su assembramenti di persone
    • area delle operazioni controllata (area urbane),
    • area controllata dovrà essere definita dall’operatore al fine di garantire il non volo su assembramenti di persone.

    Scenario standard STS2 (marchio classe C6)

    Lo scenario STS2, che include rischi intrinseci maggiori dello scenario STS1, prevede le seguenti limitazioni:

    • operazioni in VLOS (1 km esteso fino a 2Km con osservatore) e BLOS
    • Massima altezza 120 mt,
    • MTMO < 25 Kg,
    • velocità massima di 50 m/s,
    • no volo su assembramenti di persone
    • area delle operazioni controllata (e scarsamente popolata).

    Le operazioni in scenario STS2 potranno quindi essere svolte su aree più ampie e con minori limitazioni riguardo alla velocità.

  • A – “Regolamento europeo EASA Droni – Catg. Specifica

Nota relativa all’immagine di copertina: L’immagine di base in evidenza e di copertina, è tratta dal sito pixabay.com, libera per usi commerciali e senza richiesta di attribuzione, e rielaborata da 4mydrone. L’autore dell’immagine è qimono (Arek Socha). L’uso dell’ immagine è esclusivamente ai fini di una migliore comprensione dei contenuti dell’articolo.

Torna su

 503 visite / visits